Biosfera Itinerari

Biosfera Itinerari nasce nel 2006 con l’obiettivo di pianificare, organizzare e condurre viaggi naturalistici dedicati all’osservazione della fauna e degli ambienti, nelle più importanti destinazioni al mondo per biodiversità e storia naturale.

Un percorso iniziato come una passione adolescenziale, maturato durante la formazione universitaria e che, nel corso degli anni, ha dato vita al primo team italiano di biologi e naturalisti specializzati nell’accompagnamento professionale di esperienze di wildlife watching per gruppi minimi e motivati.

Dal 2018 questo percorso è stato condiviso anche dal WWF, la più grande organizzazione al mondo per la conservazione della natura, attraverso il Tour Operator del gruppo, WWF Travel. La provenienza di entrambi dal mondo della conservazione è sinonimo di attenzione e rispetto della natura, delle genti e degli equilibri socioeconomici ed ecologici delle regioni visitate.

Nella costruzione del viaggio evitiamo scelte impattanti dal punto di vista ambientale , o offensive nei confronti delle culture locali, e dedichiamo una notevole attenzione all’istruzione naturalistica, fornendo direttamente sul campo indicazioni sulla biologia, l’etologia e le problematiche di conservazione delle specie osservate e degli habitat visitati.

Per noi infatti sarebbe uno spreco di bellezza accompagnare turisti appassionati nei piu remoti e spettacolari santuari della biodiversita solo per finire la scheda di memoria delle macchine fotografiche, o per depennare gli animali osservati da una lista in un impeto da collezionista. Non è nostro interesse dare l’illusione di una wilderness che sa di surrogato, di stantio, di addomesticato. Un’imperdonabile mancanza tornare a casa carichi di foto e privi di un racconto, o privi della consapevolezza emotiva e scientifica di cio in cui ci si è immersi, e che difficilmente scordato. Questa è la sfida consapevole di Biosfera Itinerari e WWF Travel.

Il nostro obiettivo

Insieme, Biosfera Itinerari e WWF Travel, hanno l’obiettivo di accompagnare viaggiatori  curiosi ad ammirare la magnificenza della natura in Viaggi Responsabili pianificati nei minimi dettagli insieme a piccole imprese e corrispondenti locali che quotidianamente lottano contro le logiche della mercificazione turistica, del turismo di massa, della banalizzazione dell’ecoturismo, con l’obiettivo di raccontare un contesto, le interazioni, la storia evolutiva, le minacce e le sfide della conservazione

Il nostro Team di Esperti

Davide Palumbo - Fondatore di Biosfera Itinerari

Biologo, esperto di fauna vertebrata. Dal 2002 si occupa di ricerche sui grandi carnivori per diverse aree protette, con pubblicazioni in ambito internazionale. Esperto divulgatore delle tematiche legate alla conservazione della biodiversità, tiene regolarmente seminari in diverse università italiane. Fondatore di Biosfera Itinerari, dal 1996 costruisce, organizza e guida itinerari ecoturistici in Africa (orientale, centrale e centro-occidentale), India, Sud-Est asiatico, Americhe. Tra le esperienze, alcune ascensioni tra i 4200 e i 5900m e viaggi esplorativi nelle foreste pluviali tra Camerun e Congo.

Marco Galaverni

Naturalista e dottore di ricerca in Biodiversità ed Evoluzione, da anni si occupa di ricerca e conservazione del lupo in collaborazione con il laboratorio di genetica dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale di Ozzano Emilia, e con l’Università della California – Los Angeles, dove ha svolto il dottorato. E’ autore di pubblicazioni su riviste scientifiche internazionali, attualmente Responsabile Specie ed Habitat per il WWF Italia, nonché appassionato di viaggi, divulgazione ed educazione ambientale.

Daniele Vivarelli

Ph.D in Biodiversità ed Evoluzione presso l’Università di Bologna, esperto di sistemi complessi ecologici. Ha svolto il proprio dottorato di ricerca all’estero nell’ambito del programma europeo ALARM (Assessing Large-Scale Risks for Biodiversity with Tested Methods), con numerosi seminari e pubblicazioni internazionali. All’attivo diverse esperienze di viaggio, lavoro e ricerca in Europa, Asia, Oceania e Africa, dal 2006 è tour leader di itinerari escursionistici e istruttore subacqueo.

Francesco De Gasperis

Ecologo con formazione internazionale, studia in Francia la biodiversità degli ecosistemi e svolge in Danimarca ricerche in ambito etologico. Master in Italia sui grandi carnivori omeotermi. Agente di viaggio e fotografo naturalista e di reportage (collabora con numerose associazioni e riviste a distribuzione nazionale), inizia nel 2011 a lavorare nell’eco-turismo. Ha all’attivo numerosi soggiorni nelle Aree Protette in Europa, Africa e in Asia.

Edoardo Velli

Naturalista e dottore di ricerca in Ecologia ed Analisi degli Ecosistemi, ha lavorato su amazzoni dell’Amazzonia, lupo, lince e gatto selvatico, sul quale tutt’ora conduce i propri studi in collaborazione con l’Istituto Superiore di Protezione e Ricerca Ambientale di Bologna, pubblicando lavori e tenendo congressi nazionali e internazionali. Docente di scuola secondaria, illustratore naturalistico e appassionato di divulgazione scientifica.

Federico Morimando

Laureato in Scienze Naturali a Pavia, Dottore di Ricerca in Zoologia e socio dell’ Unione Zoologica Italiana, svolge la libera professione come Naturalista e Zoologo; dal 1996 si occupa di Gestione Fauna, Ambiente e Territorio di Siena. Specializzato in studio e gestione della fauna selvatica è consulente di Amministrazioni Regionali, CNR e Aree Protette Nazionali per la gestione di carnivori, ungulati e specie di uccelli minacciate, ed autore di pubblicazioni nazionali e internazionali in ambito teriologico, ornitologico e conservazionistico.

Gianluca Maini

Laureato in Scienze e Gestione della Natura all’università di Bologna, lavora full time come guida in escursioni e tours a tema naturalistico. Durante gli studi si è dedicato all’ambito zoologico, in particolare su carnivori e fauna omeoterma, partecipando a numerosi corsi di specializzazione dedicati al monitoraggio e alla gestione della fauna selvatica. Appassionato di divulgazione scientifica, educazione ambientale e trekking, con all’attivo diverse esperienze di backpacking.

Martina Bano

Laureata in scienze ambientali presso l’Università di Venezia, si occupa full time di turismo naturalistico e divulgazione dei temi legati alla conservazione della natura. Membro della commissione faunistica della città metropolitana di Venezia e membro del comitato tecnico scientifico del Parco del fiume Sile, ha all’attivo diverse esperienze di consulenza in ambito faunistico e numerosi viaggi a tema zoologico in ambienti tropicali e temperati.

Intervista a Davide Palumbo

Davide perché un appassionato di natura dovrebbe scegliere un viaggio con WWF Travel e Biosfera Itinerari?

Perché tutti i nostri viaggi sono accompagnati da un BIOLOGO o NATURALISTA. Questo permette un livello di approfondimento inedito in proposte di questo genere, consentendo al partecipante ai nostri viaggi di comprendere appieno gli aspetti della biologia, dell’etologia e le problematiche sul piano della conservazione relative alle diverse specie osservate. Anche l’architettura degli itinerari riflette la profonda comprensione degli aspetti legati alla Storia Naturale dei paesi visitati, allontanandosi nella scelta dei tempi e dei luoghi dalle logiche del turismo convenzionale.

Quali garanzie date ai potenziali partecipanti?

Organizzare un viaggio nelle regioni più “selvagge” della Terra può essere straordinariamente complicato, e presentare numerosi elementi imprevedibili, la nostra esperienza quasi ventennale di viaggi in ambiente tropicale è la migliore garanzia, pur con le variabili insite in itinerari spesso fuori dai percorsi battuti, per il successo dei vari passaggi del programma.

Si tratta di viaggi avventurosi? Sono aperti a tutti?

Insieme a WWF ci siamo dati la missione di diffondere questa formula di viaggio al pubblico più ampio possibile, per questo motivo i nostri itinerari, sono, in massima parte, aperti a tutti. Alcuni viaggi si svolgono in condizioni più estreme, vedi Ladakh o Repubblica Centrafricana, ma in ogni caso incoraggiamo a partecipare viaggiatori di ogni età e condizione fisica.

Il turismo di Osservazione Naturalistica può essere considerato strumento di conservazione ambientale?

Per noi l’osservazione “di qualità” degli animali in ambiente è un obiettivo primario, ma anche un potente strumento per la conservazione di specie e habitat a rischio, finanzia le attività di salvaguardia e incoraggia le amministrazioni locali a mantenere intatte le riserve e i parchi nazionali. Ci teniamo però molto a non assecondare approcci alla fauna selvatica che ne mettano a rischio la sicurezza o il benessere; non effettuiamo osservazioni in ambiente controllato e tendiamo ad evitare situazioni in cui gli animali sono foraggiati e condizionati se non dopo attenta valutazione.

Quali e quante attenzioni riservate all’impatto socio/ambientale dei vostri viaggi?

La provenienza dal mondo della conservazione è sinonimo di attenzione e rispetto della natura, delle genti e degli equilibri socioeconomici ed ecologici delle regioni visitate. Nella costruzione del viaggio evitiamo scelte impattanti dal punto di vista ambientale o offensive ed inopportune nei confronti delle culture locali.

I viaggi WWF Travel/Biosfera Itinerari si limitano alla sola osservazione naturalistica?

Per quanto essenzialmente si tratti di esperienze legate all’osservazione della Natura, dedichiamo grande attenzione agli aspetti etnografici e alla conoscenza delle persone, ben consci che dall’equilibrio tra le esigenze delle popolazioni e le necessità di salvaguardare l’ambiente naturale deriva la Conservazione a medio-lungo termine di habitat e specie.

Da quante persone è composto il vostro team?

Oltre a me al mio socio Daniele Vivarelli, accademico in Biodiversità ed Evoluzione, abbiamo la fortuna di avere con noi un team di esperti e studiosi di grande fama fra cui Marco Galaverni, Responsabile Specie ed Habitat in WWF Italia, ma anche Francesco De Gasperis, Edoardo Velli, Federico Morimando, Gianluca Maini, Paolo Marinelli, Martina Bano.

Qual è il valore della partnership con il WWF?

Ha un valore molto grande, per noi significa ritrovarci nello stesso “ambiente” con chi guarda alla conservazione e alla salvaguardia con i nostri stessi occhi. Da un certo punto di vista è un punto di arrivo ma da un altro invece è una base di partenza ed una grande responsabilità.