EMILIA ROMAGNA
Il mulino delle fate e degli elfi

0
Iscrizioni 2021 aperte!!
€ 580
Iscrizioni 2021 aperte!!
€ 580
PRENOTA ORA
6631

CONTATTI

Segreteria Campi Estivi
Tel. 06/27800984-int. 2

campiestivi@wwftravel.it


  •                                   GIFT CARD

NOTA COVID

Anche per il 2021 è previsto il rimborso integrale delle quote, in caso di blocco delle attività in base a decreto emergenza covid o in caso di blocco degli spostamenti regionali al momento della partenza per il campo (tale rimborso esclusivo per i residenti delle regioni sotto vincolo).

7 giorni - 6 notti
Partenze : 20-26 giugno; 27 giugno-3 luglio; 4-10 luglio; 11-17 luglio; 18-24 luglio; 25-31 luglio 2021
Emilia Romagna- Oasi WWF dei Ghirardi- Borgo Val Taro
Per Chi : 7 - 11 anni
N° di Partecipanti : Min 10 - Max 16
Emilia Romagna - Oasi WWF dei Ghirardi

Il mulino delle fate e degli elfi

Trascorriamo una dolce settimana estiva alla scoperta dell’incantevole natura dell’Appennino, e viviamo in un mulino storico, tra il giardino e il bosco, dove forse ancora vivono le fate e gli elfi….. tante volte ci è parso di scorgerli mentre si nascondono tra gli alberi o dietro l’angolo del mulino! Vediamo se quest’anno decidono di mostrarsi e magari venire anche loro alle nostre eerate di racconti attorno al falò, attorniati dalla natura e al suono del torrente che un tempo alimentava le macine del mulino.

Di giorno i pastori, ci insegnano a condurre le greggi di pecore e caprette con l’aiuto dei cani da lavoro, che le proteggono persino dalla presenza dei lupi. Ma niente paura! Il lupo non è cattivo….e noi siamo il WWF!!

Andiamo a vedere come vivono i cavalli in libertà, a osservare le regole del branco e il loro modo di interagire gli uni con gli altri e persino ad imparare come interagire con loro. Sperimenteremo l’esperienza della guida, conducendo a mano i cavalli sui sentieri della foresta. Riusciremo con un po’ di delicatezza persino a provare la messa in sella!    

E poi conosceremo l’Asina Bella Belinda ed esploreremo in lungo e in largo tutta l’Oasi del WWF anche al crepuscolo e alla sera, alla ricerca della presenza di daini, caprioli, volpi, tassi accompagnati dal canto dei rapaci notturni.

La nostra vacanza sostenibile

Impariamo ad usare le risorse con consapevolezza, cercando di produrre il minor numero di rifiuti possibile. Rispettiamo l’ambiente in cui ci troviamo. A tavola utilizziamo prodotti locali e stagionali. Creiamo una connessione tra noi, l’habitat e le specie animali, e ci mettiamo alla prova nella conduzione del gregge

Turni e Quota
ANTEPRIMA TURNI 2021
  • 20 - 26 Giugno
  • 27 Giugno - 3 Luglio
  • 4 - 10 Luglio
  • 11 - 17 Luglio
  • 18 - 24 Luglio
  • 25 - 31 Luglio
QUOTA INDIVIDUALE

€     580,00

 

NOTA BENE: ci teniamo a raccontarvi  che per quest’anno così particolare la nostra scelta è stata di non aumentare le quote, salvo in pochi casi strettamente necessari. Ed in ogni caso di importi minimi.

Chi ci conosce da tanto sa che questo rispecchia pienamente la nostra politica generale sulle quote, che ci impegniamo sempre a mantenere il più possibile stabili, anche nel corso del tempo.  

La Quota Comprende

  • Vitto e alloggio in pensione completa per tutta la durata della vacanza
  • Assistenza 24H degli animatori ed educatori esperti delle attività previste, attività
  • Assicurazioni RC e infortuni
  • Iscrizione annuale al WWF. Per chi è già socio in regola, la quota include il rinnovo per l’anno successivo

La Quota non Comprende

  • Il viaggio per/da la sede della vacanza
  • La quota obbligatoria di gestione pratica iscrizione di 30 euro.
  • Eventuali supplementi specifici indicati nella scheda alla voce SUPPLEMENTI

Supplementi

  • Nessun supplemento è previsto per questa proposta

NOTE IMPORTANTI

VIAGGIO PER/DA SEDE DEL CAMPO 

Per questa proposta l’appuntamento coi partecipanti è direttamente alla sede del campo: le informazioni per l’appuntamento fanno parte della documentazione di info utili ed equipaggiamento che vengono forniti dalla Segreteria Campi prima della partenza.

Cosa faremo
  • Vita al mulino e all’Oasi WWF

Giochi, vita insieme, falò serali negli spazi intorno al Mulino. Spesso però ci spostiamo nella celebre Oasi WWF dei Ghirardi, per  le escursioni naturalistiche, l’osservazione degli animali selvatici e la ricerca delle tracce, il foto-trappolaggio, la costruzione del “bug hotel” il rifugio artificiale per gli insetti più curiosi dell’Appennino.   

In una delle zone acquatiche, con l’aiuto dei retini, proviamo a conoscere un’altro tipo di fauna. Durante l’esplorazione, facciamo tappa in un luogo nascosto: una fornace di epoca romana. Qui, ci cimentiamo con l’estrazione e la lavorazione dell’argilla.

  • Scuola di gregge

Con i pastori che vivono nella riserva, impariamo a condurre il gregge di pecore e capre. Abbiamo i cani come aiutanti, fedeli amici che proteggono le pecore dai lupi che sono tornati a ripopolare la zona.

  • Avvicinamento ai cavalli con l’equitazione naturale  

Conosciamo i cavalli in libertà nel branco, potranno osservare il loro comportamento naturale e il loro modo di interagire; impariamo le cure necessarie per il loro benessere, il grooming e il modo di comunicare con questi meravigliosi animali. Sperimentiamo l’esperienza della guida, camminando e conducendo a a mano i cavalli nei sentieri della foresta. Con piccoli esercizi imposteremo le basi di una buona relazione. Se l’emotività ce lo permetterà consentirà, sperimenteremo la messa in sella, condotti a mano in sicurezza da un operatore.

Mappa

Territorio e ambiente

La Riserva Naturale Regionale e Oasi WWF dei Ghirardi è un’area protetta inclusa nei Parchi del Ducato e occupa 600 ettari di prati, boschi e torrenti nell’alta Val Taro, sull’Appennino parmense. Il territorio è costituito da aree prettamente boschive, occupanti circa metà della superficie, terreni agricoli in coltivazione o abbandonati, pareti rocciose e calanchi, greti ghiaiosi, rivi incisi nella roccia. È la casa di innumerevoli specie di animali, piante e funghi. Ospita habitat rarissimi e un paesaggio incantevole, nel quale è davvero facile avvistare animali, soprattutto erbivori che escono dal bosco per alimentarsi nei prati e nelle radure. La riserva ospita oltre 70 specie di uccelli, di cui alcuni rarissimi e ben 7 rapaci notturni.

 

Tipo di alloggio

Gli alloggi sono in un antico mulino in pietra, ristrutturato per uso casa collettiva, stanze doppie e triple con i bagni in comune. Ha un’ampia taverna con tavolone per i pasti e cucina.  Verande esterne con tavoli e panche. Percorsi lungo il torrente in spazi di pertinenza. Ampio giardino e bosco annesso. A 500 metri dalla struttura si trova l’azienda agrituristica con le stalle e i ricoveri degli animali, oltre che l’ortofrutteto. 

Aspetti educativi
Responsabile attività
Sostenibilità ambientale
Valore/tutela biodiversità
Valore/tutela ambiente e paesaggio
Alimentazione e filiere di prodotto
Testimoni del territorio

Isabella Abate. 

Guida Ambientale Escursionistica iscritta ad AIGAE (BA093), Laurea in ambito naturalistico, dal 2006 è responsabile del Centro di Educazione Ambientale “Oasi bosco Faggeto” a Moliterno (Basilicata) nel Parco Nazionale dell’Appennino Lucano Val d’Agri Lagonegrese. Ha un forte esperienze nelle attività di educazione ambientale con i bambini. Nel 2020 ha conseguito attestato di partecipazione al corso ISPRA “Educazione ambientale e alla sostenibilità: competenze apprese, competenze agite”. Ha già lavorato come animatrice naturalista nello Yurta Camp 2019

Saranno definite le linee guida dei comportamenti quotidiani eco-sostenibili portando i ragazzi ad intuirli autonomamente e mettendoli in pratica in un ambiente in cui non è possibile agire in altro modo: produrre il minor rifiuto possibile, non perturbare l’ambiente in cui ci si trova, cibarsi di prodotti locali in totale assenza di trasporti a motore. Le azioni che nel quotidiano risultano spontanee in un contesto come quello del campo assumono un valore totalmente differente, rendendo molto più evidente l’impatto cumulativo che ogni persona può avere sull’ambiente.

La tutela della biodiversità avrà un’attenzione particolare dal momento che l’attività si svolgerà in un’area protetta con particolari norme di tutela e numerosi progetti di conservazione per le specie protette. Durante le escursioni giungeremo in zone di particolare rilevanza ambientale dove saranno esaminate le tracce animali rinvenute lungo il percorso stimando così una possibile rete delle specie interconnesse all’interno di quell’habitat. I ragazzi saranno portati a ragionare sui principali problemi relativi alla perdita di biodiversità lasciando spazio ad ipotesi di soluzioni per contrastare questa crescente problematica.

Partendo dal valore della bellezza come benessere mentale e psicologico sarà analizzata la differenza degli effetti emozionali che può avere un determinato tipo di paesaggio da un altro. Nello specifico verrà confrontata, mediante giochi di gruppo, la conseguenza dei colori, dei suoni e delle sensazioni riconducibili agli ambienti sia naturali che artificiali ed antropizzati evidenziando così una necessità che non sempre viene percepita ma dalla quale si può avere enorme beneficio. La crescente perdita di habitat e il disturbo antropico sono un problema attuale che agisce sia a livello di distruzione degli ecosistemi che sul benessere psicofisico dell’uomo, sarà questo lo spunto da cui i ragazzi dovranno partire lasciando libero flusso di idee per ipotizzare nuovi metodi di tutela nei confronti dell’ambiente.

 

Il Mulino fa parte di un’azienda agricola, certificata Bio. Sono allevati in modo rigorosamente naturale mucche, maiali, conigli, galline, pecore. Ciò che non è prodotto autonomamente arriva dai migliori produttori locali, con risultati molto vicini alla filiera a km 0. I bambini saranno coinvolti in veri e propri laboratori esperienziali che li aiuteranno anche a sviluppare abilità manuali e sensoriali (laboratori di cucina creativa, i frutti e i loro colori “dipingi con la natura”)

Previsto l’incontro con i pastori che hanno scelto di tornare a vivere nell’Oasi dei Ghirardi per allevare pecore, addestrando i cani da guardiania e da pastore e che utilizzano i cavalli autoctoni per il lavoro nei boschi. Durante la settimana incontreremo il proprietario dell’azienda agrituristica, che è veterinario specializzato in fauna selvatica (in particolare sui lupi), svelandogli gli aneddoti e le sue esperienza di incontro con gli animali nei boschi.

Partner organizzativi

Net weight Communication

Gallery