TRENTINO ALTO ADIGE – PARCO NATURALE PANEVEGGIO
Il grande fascino dell’Arco Alpino

0
Quota
€ 316
Quota
€ 316
PRENOTA ORA
1026

CONTATTI UTILI

Segreteria Viaggi +39.06.85376501

info@wwftravel.it

COME FARE A PARTIRE CON NOI

STUDIA LA SCHEDA DI VIAGGIO

Come prima cosa, osserva con attenzione le nostre schede viaggio; sono arricchite con il massimo delle informazioni possibili

CHIEDICI TUTTE LE INFO CHE VUOI

Se hai bisogno di altre informazioni o chiarimenti, chiamaci o scrivici: siamo a tua completa disposizione. Parlerai direttamente con il team di WWF Travel, che conosce e ama raccontare i dettagli di ogni viaggio.

ISCRIVITI AL VIAGGIO

Hai tutte le informazioni che ti servono e hai deciso di partecipare ad uno dei nostri viaggi?
Per iscriverti, ti basta compilare il form cliccando sul pulsante PRENOTA ORA nella scheda del viaggio

CONFERMA LA PARTECIPAZIONE

La partecipazione sarà confermata con il pagamento di una caparra pari al 20% della quota viaggio

PARTI CON NOI

Le tue vacanze sono salve! Ora sei un Viaggiatore WWF, preparati a incontrare la natura più autentica.

3 notti 4 giorni
Partenze :
26-29 Giugno 2020
Per Chi : Per tutti
N° di Partecipanti : min 8 - max 25
Parco naturale Paneveggio-Pale di San Martino
Il grande fascino dell'arco alpino

Week-end speciale sulle Dolomiti, nel Parco Naturale Paneveggio-Pale di San Martino. Quattro giorni di inizio estate tra stupende praterie d’alta quota fiorite in cerca di animali: dall’aquila reale, al camoscio, al cervo, ma con lo sguardo sempre rivolto ad ogni momento di bellezza. Guidati da Emanuele Fior, Naturalista e Guida Ambientale Escursionistica di Natour Biowatching, esploreremo le immense foreste di abeti di risonanza di Paneveggio, saliremo sino ai piedi delle Pale di San Martino, toccheremo ruscelli e alpeggi, facendoci trasportare da paesaggi e silenzi nel mondo delle Dolomiti Patrimonio Unesco.                                                                        

Perché questo weekend  naturalistico è speciale?

A cavallo tra primavera ed estate l’alta quota si risveglia: gli orizzonti alpini si inebriano di botton d’oro, pulsatille, campanule, gigli ed orchidee di mille forme e colori; camosci e cervi pascolano le tenere erbe appena spuntate per dopo la penuria invernale; le marmotte corrono tra i canaloni e prendono il sole sulle grandi rocce, sempre allerta e pronte a fischiare all’arrivo dell’aquila reale, il loro principale predatore. Nei limpidi stagni di montagna si celano i timidi tritoni. La vita si manifesta potente, attorniata da uno dei paesaggi più belli e noti al mondo: le Dolomiti, fragile e magnifico Patrimonio dell’Umanità.

Mappa e Programma

Giorno 126 Giugno 2020

Arrivo in struttura e check-in entro il primo pomeriggio (h 14.30). Nel pomeriggio breve ascesa verso il Passo Venegia, luogo magnifico per osservare il tramonto del sole sulla dolomia delle Pale di San Martino. Rientro e cena presso il rifugio, seguita da presentazione di Biowatching per conoscere il programma e per un primo approccio agli habitat ed alle specie che incontreremo.

Giorno 227 Giugno 2020

Escursione con partenza dalla Val Venegia in direzione malga di Juribello, Rifugio Capanna Cervino e quindi Baita Segantini, con pranzo al sacco presso quest’ultima proprio sotto il Cimon della Pala, con vista tra le più belle delle Dolomiti. Sulle pareti di roccia circostanti camosci e stambecchi.
Rientro nel pomeriggio e cena presso il rifugio. Dopo cena osservazione astronomica del cielo stellato, tra scienza e mitologia.

Giorno 3 28 Giugno 2020

Giornata dedicata ai sentieri della Grande Guerra con ascesa dalla malga Valazza al Lago di Juribrutto (qui pranzo al sacco), in un paesaggio selvaggio e incontaminato, regno dell’aquila reale. Discesa ad anello verso malga Juribrutto e rientro nel pomeriggio.
Per chi volesse, in serata breve camminata al “lago dei tritoni” per osservare questi colorati anfibi.
Cena presso il rifugio.

29 Giugno 2020

Spostamento in auto a Passo Rolle. Da qui facile e piana passeggiata per raggiungere i Laghetti di Colbricon, dalle acque limpide e fresche. Pranzo al sacco. Durante il rientro, sosta all’area faunistica di Paneveggio per osservare i cervi.
Nel pomeriggio ripartenza verso le proprie destinazioni.

Partner organizzativi

Dettagli
Chi ci accompagna

  

   

 

Emanuele Fior

Dove alloggeremo

    

   Il Rifugio Capanna Passo Valles

Nel Parco Naturale Paneveggio-Pale di San Martino saremo ospitati presso il Rifugio Capanna Passo Valles, un perfetto compromesso tra la tradizione ed il comfort: nato nel 1933 come  punto di appoggio per i viandanti che attraversavano l’arco alpino al confine tra gli attuali Trentino ed Veneto, col passare dei decenni, la sua collocazione strategica, a 2000 m di quota sul livello del mare, la sua straordinaria collocazione geografica ai piedi del massiccio dolomitico e soprattutto la saggia gestione della famiglia Cemin, che vive nel rifugio da quattro generazioni, hanno fatto della struttura un luogo caldo ed ospitale. Perfetta base di partenza per escursioni tra i boschi secolari, sulle praterie alpine e tra le cime, è ormai un affermato, quanto rinomato, luogo di ristorazione in cui si incontrano i piatti tipici della tradizione trentina e di quella veneta, con una qualità e bontà rare. Ogni ospite è agli occhi della famiglia Cemin come quei primi viandanti che quasi un secolo fa sfidavano le nevi ed i venti d’alta quota per venire accolti con calore e amicizia.

 

Quota
Quota per partecipante in camera doppia: Euro 316
Bambini fino a 4 anni gratuito; bambini da 5 a 10 anni 50% della quota
              

La Quota Comprende

  • Pernottamento e pensione completa con tre cene nella struttura e tre pranzi al sacco
  • Attività quotidiane previste dal programma
  • Presenza dell'accompagnatore naturalista/guida ambientale escursionistica H24
  • Assicurazione medico bagaglio

La Quota non Comprende

  • Quota di gestione pratica di 30 euro
  • Il viaggio per/da la località di destinazione
  • Assicurazione annullamento viaggio
  • Quanto eventualmente indicato alla voce "supplementi"
Gallery

Credit foto: Emanuele Fior