Segreteria campi estivi +39.06.27800984 int. 2 campiestivi@wwftravel.it
Ufficio viaggi mondo/Italia/Oasi stay +39.06.85376501 info@wwftravel.it

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*
Stato*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.

Already a member?

Login
Segreteria campi estivi +39.06.27800984 int. 2 campiestivi@wwftravel.it
Ufficio viaggi mondo/Italia/Oasi stay +39.06.85376501 info@wwftravel.it

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*
Stato*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.

Already a member?

Login

Speciale campo di ricerca: i cetacei di Pelagos

0
Quota
€ 650
Quota
€ 650
PRENOTA ORA
Salva nella Wishlist

L'aggiunta di articoli alla Wishlist richiede un account

2569

Box perchè viaggiare con noi

Perché Viaggiare con noi?

Box Contatti utili

Contatti Utili

Segreteria Campi Estivi 06/27800984-int. 2

campiestivi@wwftravel.it

Segreteria Campi in barca a Vela 329 0143174; 327 2264388

info@circolovelamare.com

Segreteria Viaggi +39.06.85376501

info@wwftravel.it

7 giorni - 6 notti
Partenze : 16-22 giugno; 23-29 giugno; 30 giugno-6 luglio; 7-13 luglio; 14-20 luglio; 21-27 luglio; 28 luglio-3 agosto; 4-10 agosto 2019
(A MARZO LE DATE 2020)
Santuario Internazionale dei Cetacei Pelagos
Per Chi : + 18
N° di Partecipanti : Min 3 - Max 6
Liguria - Santuario Internazionale dei Cetacei Pelagos

Alla ricerca dei cetacei nel santuario Pelagos

Un campo di ricerca e monitoraggio sulla presenza e le abitudini di vita dei cetacei nella vasta estensione del  Santuario Internazionale dei Cetacei. Per osservarli, conoscerli, ammirarli e imparare a proteggerli dalle minacce che affrontano ogni giorno, come la pesca e il traffico nautico, nonostante l’area internazionale di tutela.

Saremo coinvolti direttamente nelle attività di monitoraggio, anzi ne saremo dei collaboratori sostanziali. Non sono necessarie delle competenze pregresse, solo la passione e la curiosità, il desiderio e la soddisfazione di poter contribuire al lavoro scientifico dei ricercatori.

Un’esperienza davvero stupefacente ci attende in barca, una settimana perfetta per sviluppare competenze interessantissime come.

  • – tecniche di fotografia naturalistica e tecnica della foto-identificazione
  • – metodologie di monitoraggio 
  • – tecniche di campionamento del comportamento
  • – utilizzo di strumentazione da ricerca: GPS, software per la navigazione, binocolo con i reticoli, videocamera e software BORIS per l’acquisizione dei dati comportamentali di superficie

E per non farci mancare niente il campo si svolge in barca a vela. 

Le attività quotidiane saranno modulate e variabili a seconda delle condizioni meteo-marine e delle priorità della ricerca scientifica. Per questo in equipaggio avremo bisogno di essere flessibili e di comprendere che lavorare con animali in natura non è pianificabile al 100%.

L’atmosfera che regna in barca è serena e informale, ma bisogna ricordare che si sta lavorando nel contesto di un programma di ricerca impegnativo e che tempi e modi delle varie attività devono essere stabiliti a seconda delle priorità del progetto.

Dobbiamo essere consapevoli della fantastica opportunità di prendere parte a un progetto con specifici obiettivi di ricerca e conservazione.

Note Importanti

VIAGGIO PER/DA PUNTO D’IMBARCO

Per questa proposta l’appuntamento coi partecipanti è direttamente all’imbarco: le informazioni per l’appuntamento fanno parte della documentazione di info utili ed equipaggiamento che vengono forniti dalla Segreteria Campi prima della partenza.

IMBARCO

Imbarco la domenica alle ore 14 e sbarco il sabato ore 12.

Imbarco e sbarco a Marina degli Aregai (Imperia).

Il campo si svolge in barca a vela. 

 

Ulteriori note

La partecipazione ai campi di partecipanti che prendono farmaci indispensabili deve essere comunicata prima dell’iscrizione.

Il programma, la rotta, le modalità e i ritmi di navigazione sono decisi ad insindacabile giudizio dal comandante e dai ricercatori, sulla base della propria esperienza di navigazione, sicurezza degli equipaggi, condizioni meteomarine, necessità delle ricerche in corso e tutte le condizioni contingenti che si manifestano nel corso della settimana.

 

 

Destinazione

Territorio e ambiente

Tutte le attività a bordo dell’imbarcazione si svolgeranno nelle acque del Santuario “Pelagos”, un’area marina protetta compresa tra il territorio francese, monegasco e italiano, classificata come Area Specialmente Protetta di Interesse Mediterraneo (ASPIM). Il Santuario si estende in un’area protetta di vaste dimensioni, ben 87.500 chilometri quadrati ed è la regione mediterranea in cui la presenza dei cetacei è più rilevante, sia per quanto riguarda il numero di esemplari sia per la  diversità di specie. Si possono osservare ben otto specie di cetacei distribuite differentemente a seconda della profondità del fondale.

Le acque soprastanti la piattaforma continentale (0-200 metri di profondità) rappresentano l’habitat preferenziale dei tursiopi (Tursiops truncatus). Lungo la scarpata continentale, dove il fondale sprofonda rapidamente dai 200 ai 2.000 metri, vivono invece alcuni fra i più interessanti mammiferi marini del Mediterraneo: il capodoglio (Physeter macrocephalus), il grampo (Grampus griseus) e lo zifio (Ziphius cavirostris). L’area pelagica, dove la profondità supera i 2.000 metri, è la zona dove ci sono maggiori possibilità di incontrare la maestosa balenottera comune (Balaenoptera physalus) e i misteriosi  globicefali (Globicephala melas). Le acrobatiche stenelle striate (Stenella coeruleoalba) e gli ormai rarissimi delfini comuni (Delphinus delphis) possono vivere in ciascuno di questi ambienti.

Oltre ai cetacei si può entrare in contatto con altre specie altrettanto interessanti e degne di attenzioni come le tartarughe marine, le elegantissime mante, le verdesche e gli uccelli marini.

L’argomento “biodiversità” sarà affrontato nel corso di tutte le attività, così come quello dell’importanza della sua tutela.

Grazie alla raccolta dei dati su campo sarà possibile contribuire direttamente alla conservazione della megafauna del santuario “Pelagos”.

Tipo di alloggio

La barca a vela è la nostra casa, il giusto compromesso tra avventura e comodità.
Se non sei mai stato in barca a vela, la similitudine più verosimile è il camper, dove la “compattezza” dello spazio viene compensata dalla libertà massima di movimento.

Gli alloggi sono in cuccette doppie matrimoniali, con 2 bagni in comune. 

A ciascuno verrà affidata la pulizia dei propri spazi, mentre le parti comuni saranno affidate a turno ai componenti l’equipaggio.
Ai partecipanti viene richiesto di portare il proprio sacco lenzuolo/sacco pelo e la propria biancheria da bagno.

 

Partner organizzativi

Gaia Research Institute Onlus

www.gaiaresearch.org

Cosa faremo

Attività quotidiane di ricerca e monitoraggio, che forniranno ai partecipanti informazioni e nuove competenze riguardo:

  • tecniche di fotografia naturalistica e tecnica della foto-identificazione
  • metodologie di monitoraggio 
  • tecniche di campionamento del comportamento
  • utilizzo di strumentazione da ricerca: GPS, software per la navigazione, binocolo con i reticoli, videocamera e software BORIS per l’acquisizione dei dati comportamentali di superficie
  • cenni di navigazione
  • conoscenze utili per intraprendere/portare avanti la carriera da cetologo o naturalista

LEZIONI TEORICHE

All’inizio della crociera vengono illustrate ai partecipanti la biologia e l’ecologia dei cetacei e le diverse tecniche di raccolta dati. Il diretto coinvolgimento nelle attività di campo fornisce a tutti i partecipanti l’opportunità di imparare e confrontarsi con le diverse tecniche di indagine.

Lezioni teoriche saranno tenute su temi quali:

  • biologia ed ecologia dei cetacei
  • il Santuario Pelagos
  • minacce che incombono sui cetacei
  • utilizzo della strumentazione scientifica
  • la foto-identificazione delle diverse specie presenti nel Santuario
  • il campionamento del comportamento
  • strategie di conservazione dei cetacei

PROGRAMMA GIORNALIERO TIPO

Le uscite in mare vengono effettuate ogni qualvolta le condizioni meteorologiche sono favorevoli. L’orario della sveglia è pianificato la sera prima e varierà a seconda delle attività. Dopo la prima colazione e la consultazione del meteo con lo skipper, comincia la navigazione, durante la quale tutti a bordo sono impegnati a turno nella ricerca costante dei cetacei. Il tempo che occorre per incontrare gli animali può variare da poche decine di minuti a diverse ore. Una volta avvistati, i cetacei vengono seguiti per un periodo che può variare dai pochi minuti a qualche ora. Pranzo e cena hanno, di conseguenza, orari flessibili. Per necessità indotte dalla ricerca, quando le condizioni meteorologiche sono favorevoli, può accadere di rimanere in mare aperto o di dormire in rada per due o più giorni consecutivi. In caso, invece, di condizioni meteo non ottimali si tornerà in porto per la notte o si resterà in porto nel corso di tutta la giornata. Durante la giornata è comunque possibile rilassarsi, prendere il sole, leggere e apprendere dallo skipper gli elementi base della navigazione. Quando possibile verrà proposta anche l’attività di snorkeling. Per particolari esigenze di ricerca o di navigazione la partenza o qualsiasi attività sarà anticipata o posticipata rispetto al programma iniziale.

Aspetti educativi
  • Responsabile dell'attività

Laura Pintore: appassionata di cetacei, con laurea Triennale in Scienze Naturali e Magistrale in Evoluzione del Comportamento” Animale e dell’Uomo.

Da ottobre 2018 svolge un Dottorato di Ricerca in Scienze Biologiche e Biotecnologie Applicate, presso l’Università di Torino, finanziato dal WWF Italia. Il focus della sua ricerca è l’impatto acustico di origine antropica ed i suoi effetti sui cetacei del Santuario “Pelagos.
È qualificata come Guida Responsabile di Whale Watching per i turisti su imbarcazioni adibite al whalewatching.
Esperta di cetacei, ha partecipato alle attività portate avanti dall’Ufficio Mare del WWF Italia all’interno della Direzione Conservazione in stretto coordinamento con il Comitato Scientifico WWF Italia, che raccoglie al suo interno i maggiori esperti di Conservazione degli Oceani.
Per il WWF Italia ha collaborato in alcuni importanti progetti come il Check up dei Parchi Nazionali e delle Aree Marine Protette; il progetto Life Euroturtles; la campagna #GenerAzione Mare. Si occupa, inoltre, del Progetto Pelagos 2.0 per il miglioramento e la valorizzazione di questa importante area.
Dal 2018 è referente regione Sardegna di WWF YOUng, il network WWF Italia che mette in contatto giovani tra i 18 e i 35 anni, appassionati di natura e attivisti dell’associazione.
Come membro del direttivo dell’associazione Gaia Research Institute Onlus, ha partecipato inoltre ai progetti di monitoraggio-ricerca: “Dolphins in the GOC”, 2016 e “Cetaceans Monitoring from ferry (ANPA lane)”, 2014-2016.

  • 1. Come viene trattato l’argomento della sostenibilità ambientale:

La barca a vela rappresenta di per sé un “laboratorio di sostenibilità” in cui, essendo limitate le risorse acqua ed energia, si è costretti a dar loro il giusto valore. 

La sostenibilità è anche uno dei valori dei soci fondatori di Gaia Research Institute Onlus. Nel momento dell’accoglienza vengono presentati tutti gli accorgimenti messi in atto per il miglior utilizzo delle risorse ambientali, al fine di ridurre la propria impronta ecologica. I partecipanti vivranno una settimana consapevoli della necessità di gestire al meglio le risorse disponibili (acqua, elettricità, risorse alimentari) e i propri rifiuti.

  • Come viene trattato l'argomento delle tutela della biodiversità

Attraverso l’osservazione delle forme di vita marine, si incontra il valore della diversità biologica, della variabilità degli organismi viventi e degli ecosistemi terrestri e acquatici. Si parla anche delle cause che determinano la perdita di biodiversità, cioè l’inquinamento, le specie aliene, la perdita degli habitat e i cambiamenti climatici, tutti fenomeni provocati dalle attività umane. A tal fine viene sfruttata ogni occasione in cui si possono osservare direttamente gli organismi viventi nell’acqua e in prossimità di essa, in modo da far notare ed apprezzare l’infinita varietà di organismi che popolano i nostri mari.

  • Come viene trattato l'argomento valore e tutela dell'ambiente/paesaggio

I partecipanti verranno coinvolti in un’intensa attività di osservazione dell’ambiente circostante accompagnata da sessioni di lezioni frontali che li porteranno a scoprire l’importanza della tutela del paesaggio. L’importanza della conservazione dei diversi ambienti, prerequisito per la conservazione delle specie, e della conservazione del paesaggio verrà sottolineato nel corso di tutto il soggiorno.

  • Come viene trattato l’argomento alimentazione e valore delle filiere di prodotto (locale, bio ed equosolidale per i tropicali)

Tutti i prodotti ortofrutticoli e i prodotti del forno (pane, pizza, focaccia, croissant) sono di origine locale. I prodotti tropicali provengono dal commercio equosolidale. Il tema dell’alimentazione sostenibile viene trattato nel corso di tutta la settimana. Particolare attenzione sarà data alla problematica della pesca industriale contrapposta a quella artigianale.

  • Quali sono i momenti di incontro con “testimoni” del territorio e quelli di conoscenza della tradizione e cultura locali

Il background storico culturale della zona verrà introdotto nel corso dell’accoglienza. Ogni settimana si incontreranno diversi testimoni del territorio, rappresentanti dei diversi stakeholders. Dai pescatori, ai floricultori, dai gestori delle aree protette, agli operatori nel settore del turismo.

Turni e Quota

TURNI

16-22 giugno; 23-29 giugno; 30 giugno-6 luglio; 7-13 luglio; 14-20 luglio; 21-27 luglio; 28 luglio-3 agosto; 4-10 agosto

QUOTA   INDIVIDUALE 

€  650

La Quota Comprende

  • Vitto (cambusa) e alloggio a bordo, in barca a vela, per tutta la durata della vacanza.
  • Assistenza H24 1 skipper e 1 ricercatore/tutor formativo
  • Assicurazioni RC e infortuni
  • Iscrizione annuale al WWF. Per chi è già socio in regola, la quota include il rinnovo per l’anno successivo

La Quota non Comprende

  • Il viaggio per/da la sede/imbarco del campo
  • La quota obbligatoria di gestione pratica di 30 euro.
  • Bevande (inclusa nella quota solo l'acqua, a libera disposizione)
  • Eventuali extra specifici indicati alla voce SUPPLEMENTI

Supplementi

  • Nessun supplemento è previsto per questa proposta
Gallery