Segreteria campi estivi +39.06.27800984 int. 2 campiestivi@wwftravel.it
Ufficio viaggi mondo/Italia/Oasi stay +39.06.85376501 info@wwftravel.it

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*
Stato*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.

Already a member?

Login
Segreteria campi estivi +39.06.27800984 int. 2 campiestivi@wwftravel.it
Ufficio viaggi mondo/Italia/Oasi stay +39.06.85376501 info@wwftravel.it

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*
Stato*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.

Already a member?

Login

Con le tartarughe tra le stelle del mare e le stelle del cielo

0
Quota
€ 650
Quota
€ 650
PRENOTA ORA
Salva nella Wishlist

L'aggiunta di articoli alla Wishlist richiede un account

1196

Perché Viaggiare con noi?

Contatti Utili

Segreteria Campi Estivi 06/27800984-int. 2

campiestivi@wwftravel.it

Segreteria Campi in barca a Vela 329 0143174; 327 2264388

info@circolovelamare.com

Segreteria Viaggi +39.06.85376501

info@wwftravel.it

7 giorni - 6 notti
Turni : 30 giugno - 6 luglio
Puglia - Oasi WWF Torre Guaceto
Per Chi : 11 - 14 anni (terza media conclusa)
N° di Partecipanti : Min 11 - Max 16
Puglia - Oasi WWF Torre Guaceto

Verso sud, con le tartarughe tra le stelle del mare e le stelle del cielo

Il sud ci chiama… e noi rispondiamo! Qui a Torre Guaceto non sappiamo più dove posare gli occhi. Baie di sabbia bianca, bagnate da un mare trasparente: ci corriamo sopra a piedi nudi e quando l’acqua diventa più alta, ci tuffiamo! Urla, schiamazzi e giochi sotto il sole.

In questi giorni facciamo tantissime attività, come lo snorkeling alla scoperta della posidonia oceanica e dei pesci più belli, o il trekking nella macchia mediterranea.

Andiamo alla ricerca delle tracce di deposizione delle tartarughe marine: è davvero un momento emozionante. Assistiamo i veterinari mentre si occupano delle tartarughe in difficoltà, e ci emozioniamo guardandone alcune mentre rientrano in mare e nuotano via, in libertà. Quanto sono belle!

La sera, poi, nel buio della riserva, ci sdraiamo a terra a guardare le stelle, mentre ascoltiamo storie e racconti incredibili sui miti, le storie e le avventure degli dei dell’Antica Grecia, che con le loro imprese eroiche hanno dato il nome a questo tripudio di costellazioni che illumina il cielo del Salento.

La nostra vacanza sostenibile

Le attività sono impostate sui più importanti concetti di sostenibilità ambientale: dal risparmio energetico al riciclo e all’uso di fonti di energia sostenibili. Ci formiamo e responsabilizziamo affinché le piccole e grandi azioni quotidiane diventino parte integrante del nostro modo di vivere.

Note Importanti

VIAGGIO PER/DA SEDE DEL CAMPO 

Per questa proposta è prevista la possibilità di avvalersi, su richiesta, del viaggio accompagnato da Roma.

Le informazioni per la prenotazione del viaggio fanno parte della documentazione di conferma e vengono forniti dalla Segreteria Campi nel corso delle procedure di  finalizzazione dell’iscrizione.

L’organizzazione effettiva del viaggio è soggetta ad un numero minimo di richiedenti. 

 

Destinazione

Territorio e ambiente

La riserva naturale di Torre Guaceto si trova pochi a chilometri a nord di Brindisi ed è caratterizzata da 7 km di costa incontaminata, con incantevoli calette dalla sabbia dorata finissima, su un promontorio al centro dei quali campeggia la Torre saracena del XVI secolo, simbolo del luogo.

All’interno dell’area protetta è possibile incontrare una serie di habitat naturali incontaminati di rara bellezza: dal canneto alla macchia mediterranea, dal bosco di lecci all’uliveto secolare, dall’imponente cordone dunale ai fondali ricchi di pesci.

La Riserva Naturale dello Stato e Area Marina protetta di Torre Guaceto è un luogo importante per la conoscenza ed il rispetto del mondo naturale, nato da una lunga esperienza di lotta ambientalista dei volontari del WWF. La zona rappresenta un laboratorio a cielo aperto, dove sperimentare diversi e coinvolgenti approcci alle tematiche della sostenibilità verso una visione sistemica della natura.

Tipo di alloggio

Alloggiamo al Villaggio-Hotel Meditur, una struttura moderna con certificazione Ecolabel e quindi molto attenta ai temi della sostenibilità ambientale. Il villaggio, direttamente sul mare, dista 1 chilometro dalla riserva di Torre Guaceto, 7 chilometri dalla stazione ferroviaria più vicina (Carovigno) e 20 chilometri dall’Aeroporto di Brindisi.

Siamo in appartamenti da 4/5 posti letto, e consumiamo i pasti in un ristorante dedicato. Il villaggio dispone di reception, ristorante, bar, anfiteatro, sala congressi, bar zona pineta, discoteca, area take-away, piscina, campi sportivi (tennis, calcetto, basket, pallavolo), mini market con articoli di prima necessità e rivendita di giornali e souvenir.

Partner organizzativi

Cooperativa Thalassia

www.cooperativathalassia.it

Cosa faremo

Alla scoperta della riserva
Escursioni a piedi e in bicicletta, snorkeling, monitoraggio delle spiagge, ricerca di tracce di tartarughe, laboratori del gusto, osservazione delle stelle e tanto altro.

Alla scoperta del mare
Andiamo alla ricerca dei reperti del mare, spiaggia dopo spiaggia, caletta dopo caletta. Le passeggiate in spiaggia sono lo spunto per parlare del mare, della biodiversità dei fondali di Torre Guaceto ma anche di ciò che l’uomo ha dato al mare e che lui, a distanza di tempo, ci restituisce.

Progetto “Il popolo del mare”
Osservando il materiale arrivato su queste spiagge è nato un progetto dove giocattoli, oggetti e legni venuti dal mare si trasformano magicamente in fantasmi, anime di uomini che dal mare ricominciano a camminare sulla terraferma. Il “popolo” è in continua evoluzione, ogni mareggiata può dar vita ad un nuovo abitante dalla pancia piena di storie da raccontare.

Alla ricerca delle tartarughe marine
Aiutiamo le tartarughe marine, mantenendo le spiagge così come loro le hanno lasciate la prima volta che hanno toccato terra. Col sole, scrutiamo l’orizzonte per vedere apparire un carapace. Di notte vegliamo le spiagge in attesa  di vederle deporre. Grazie al nuovo progetto della riserva che prevede il recupero dei vecchi fabbricati dei pescatori per farne “L’ospedale delle tartarughe”, le aiutiamo a rimettersi in sesto se sono ferite.

Tra le stelle e l’acqua dolce
Di notte, il promontorio diventa un letto ideale sul quale stendersi a testa in su: con la guida esperta di un astrofilo e degli operatori della riserva, impariamo a trovare la stella polare e a riconoscere le costellazioni, ascoltando storie di dei e di eroi.

Sulle orme del tasso
Andiamo alla ricerca dei tassi, sui sentieri della macchia mediterranea. Seguiamo i suoni e gli odori, cercando di fare attenzione ad ogni minimo fruscìo… difficilmente incontreremo un tasso in pieno giorno, ma con un po’ di attenzione si può partire per una “caccia all’ultima traccia” , per identificare gli animali che di notte danno vita alla macchia.

Alla scoperta dei campi agricoli della riserva
La produzione e distribuzione dei prodotti agricoli è un punto fondamentale per Torre Guaceto. Da “L’oro del Parco” al Pomodoro Fiaschetto, facciamo un percorso tra terra, sole, gusto e riscoperta dei campi agricoli.

Facciamo il sapone naturale
Recuperiamo le vecchie tradizioni contadine, in cui l’olio non era solo condimento per l’insalata ma un ingrediente prezioso anche per preparare il sapone. Nel laboratorio di saponi e nell’orto botanico del Centro visite, seguiamo un piccolo corso di preparazione di saponi a base di olio di oliva, aromatizzati con le piante della macchia mediterranea.

Aspetti educativi
  • Responsabile dell'attività

Giuseppe Flore: Naturalista, specializzato in gestione della fauna selvatica e delle aree protette.

Guida Ambientale Escursionistica (AIGAE) e coordinatore del settore Ecoturismo e educazione ambientale della Cooperativa Thalassia, lavora da 10 anni nel campo dell’educazione e animazione ambientale, in qualità di ideatore, realizzatore e coordinatore di attività e progetti.

Coordinatore e responsabile dei campi WWF a Torre Guaceto del 2012 e 2013

  • 1. Come viene trattato l’argomento della sostenibilità ambientale:

La sostenibilità ambientale è alla base dei comportamenti e gli stili di vita degli operatori della cooperativa Thalassia e della Riserva di Torre Guaceto.

Ogni attività viene svolta secondo questa ottica, tentando quotidianamente di mediare tra le esigenze di tutela e il “diritto” di ognuno di noi di scoprire e vivere in modo sostenibile le aree naturali. Le attività previste nel campo, come anche quelle relative al soggiorno nella struttura ricettiva, saranno impostate sui più importanti concetti di sostenibilità ambientale, dal risparmio energetico, al riciclaggio, all’uso di fonti di energia sostenibili. I ragazzi saranno formati e responsabilizzati ad un vivere sostenibile in modo che le piccole e le grandi azioni quotidiane diventino parte integrante del modo di vivere e non più “azioni speciali” da mettersi in pratica soltanto in determinate occasioni.

Nell’ottica di un contagio positivo, si prevedono attività di controllo e comunicazione dirette ai fruitori dell’area protetta che i partecipanti svolgeranno in Riserva, a turno e accompagnati dagli animatori.

 

  • 2. Come viene trattato l’argomento Valore/tutela della biodiversità:

La tutela della biodiversità è l’argomento fondamentale di questo campo.

Tramite tutte le attività previste, si cercherà di insegnare ai partecipanti l’importanza della biodiversità come elemento indispensabile alla sopravvivenza del pianeta Terra, l’unica “casa” che abbiamo, e gli effetti negativi che la riduzione di biodiversità sta causando negli ultimi secoli.

Si cercherà di far capire loro anche l’importanza dei beni e servizi ecosistemici che la biodiversità mette a disposizione degli uomini, come il cibo, l’acqua, i carburanti e il legname, l’approvvigionamento idrico e la purificazione dell’aria, il riciclo naturale dei rifiuti, la formazione del suolo, l’impollinazione e molti altri meccanismi regolatori naturali; e come poi raccontare agli “adulti” tutto ciò con l’obiettivo di renderli maggiormente consapevoli delle proprie azioni.

La riserva di Torre Guaceto è caratterizzata da una grande diversità di habitat naturali e di conseguenza da un elevato numero di specie floristiche e faunistiche. Il programma previsto, tenendo conto di questa caratteristica, prevede che i ragazzi possano scoprire con i 5 sensi tutti gli ambienti naturali presenti, dal mare al canneto, dalla macchia mediterranea ai boschi di querce, e le svariate forme di vita che vi ci abitano, dalle orchidee ai ginepri secolari, dal falco di palude al colubro leopardino. Inoltre, grazie alla presenza di un centro di primo recupero per le tartarughe marine, saranno approfondite in modo diretto le conoscenze e le tematiche di conservazione su queste specie

  • 3. Come viene trattato l’argomento valore e tutela dell’ambiente/paesaggio:

La terra di Puglia, come d’altronde gran parte dell’Italia, non è sfuggita a decenni di abusivismo e sciacallaggio nei confronti dell’ambiente; oggi però, la visione è completamente cambiata, e la tutela del paesaggio e dei beni ambientali è diventata un punto cardine delle nuove politiche regionali.

Nella Riserva di Torre Guaceto, escludendo poche case coloniche presenti nella parte agricola, l’ultima abitazione costruita è la torre aragonese del XVI secolo; quest’area rappresenta quindi una vera e propria oasi circondata all’esterno da tutta una serie di interventi edilizi che hanno rovinato il paesaggio circostante. I ragazzi quindi verranno accompagnati in un percorso visivo e storico che, dimostrando la netta differenza tra paesaggi troppo antropizzati e paesaggi naturali, farà ben capire loro quanto può essere distruttiva la mano dell’uomo.

  • 4. Come viene trattato l’argomento alimentazione e valore delle filiere di prodotto (locale, bio ed equosolidale per i tropicali)

La Puglia, in generale, è da sempre considerata terra sitibonda e siticulosa per l’assenza di fiumi e laghi e per la scarsità di piogge; di conseguenza da secoli l’agricoltura ha fatto ricorso a specie arido-resistenti come l‘olivo, il mandorlo, il fico, la vite e ortaggi caratterizzati da una forte rusticità.

Questo argomento trova nella Riserva di Torre Guaceto uno dei posti più adatti dove poter tramandare alle giovani generazioni l’importanza del rapporto tra la terra e la nostra sopravvivenza su questo pianeta. Ormai da più di 10 anni questa area protetta realizza progetti legati all’agricoltura biologica e alla produzione di prodotti sostenibili di alta qualità e a Km zero.

I risultati più importanti si sono raggiunti con:

– il progetto “Oro del Parco”, un olio biologico derivante dalla molitura di olive raccolte solo su ulivi pluricentenari presenti nella parte agricola della riserva; un olio quindi che difende la biodiversità e il paesaggio;

– il Pomodoro Fiaschetto: una varietà particolare che era stata abbandonata a causa dell’avvento delle varietà “globalizzate” pachino e ciliegino, e che viene coltivato e rivalutato nei campi della Riserva ed è diventato presidio Slow Food.

– il progetto di pesca sostenibile all’interno dell’area marina protetta.

Gli operatori del campo collaborano continuamente con la Comunità dei produttori agricoli e ittici di Torre Guaceto e con la condotta Slow Food Alto Salento, quindi il suddetto tema verrà trattato con degli incontri/laboratori “ravvicinati” con gli agricoltori e i pescatori locali, che si metteranno a disposizione per raccontare il rapporto con la loro terra e il loro mare.

Ad ogni incontro con la comunità dei produttori seguirà un momento di raccolta o lavorazione dell’alimento in oggetto che potrà diventare una merenda bio a km 0 da gustare sui luoghi di produzione.

  • 5. Quali sono i momenti di incontro con “testimoni” del territorio e quelli di conoscenza della tradizione e cultura locali

 Un pomeriggio con il Direttore: come si gestisce un’area naturale protetta? Quali sono le difficoltà maggiori? E le soddisfazioni? Al porticciolo con i pescatori di Torre Guaceto: ma se è un’area marina protetta perché si va a pescare? Colloquio sulle forme di pesca sostenibile e di come queste salveranno il mare nostrum. A spasso nell’uliveto secolare: perché BIO è meglio? passeggiata tra i giganti del Mediterraneo con gli agricoltori biologici di Torre Guaceto. Cibo e legalità: cosa vuol dire Buono, Pulito e Giusto? incontro con i rappresentanti di Slow Food Alto Salento e della cooperativa “Terre di Puglia” di Mesagne (BR) che aderisce al circuito nazionale di Libera.

Turni e Quota

TURNI

30 giugno – 6 luglio

 

QUOTA   INDIVIDUALE 

€  650,00

La Quota Comprende

  • Vitto e alloggio in pensione completa per tutta la durata della vacanza
  • Assistenza 24H degli animatori ed educatori esperti delle attività previste, attività
  • Assicurazioni RC e infortuni
  • Iscrizione annuale al WWF. Per chi è già socio in regola, la quota include il rinnovo per l’anno successivo

La Quota non Comprende

  • Il viaggio per/da la sede della vacanza
  • La quota obbligatoria di gestione pratica iscrizione di 30 euro.
  • Eventuali supplementi specifici indicati nella scheda alla voce SUPPLEMENTI

Supplementi

  • Nessun supplemento è previsto per questa proposta
Gallery