SVALBARD
Periplo Polare

0
Quota
€ 4,850
Quota
€ 4,850
PRENOTA ORA
2683

CONTATTI UTILI

Segreteria Viaggi +39.06.85376501

info@wwftravel.it

COME FARE A PARTIRE CON NOI

STUDIA LA SCHEDA DI VIAGGIO

Come prima cosa, osserva con attenzione le nostre schede viaggio; sono arricchite con il massimo delle informazioni possibili

CHIEDICI TUTTE LE INFO CHE VUOI

Se hai bisogno di altre informazioni o chiarimenti, chiamaci o scrivici: siamo a tua completa disposizione. Parlerai direttamente con il team di WWF Travel, che conosce e ama raccontare i dettagli di ogni viaggio.

ISCRIVITI AL VIAGGIO

Hai tutte le informazioni che ti servono e hai deciso di partecipare ad uno dei nostri viaggi?
Per iscriverti, ti basta compilare il form cliccando sul pulsante PRENOTA ORA nella scheda del viaggio

CONFERMA LA PARTECIPAZIONE

La partecipazione sarà confermata con il pagamento di una caparra pari al 20% della quota viaggio

PARTI CON NOI

Le tue vacanze sono salve! Ora sei un Viaggiatore WWF, preparati a incontrare la natura più autentica.

10 notti 11 giorni
Partenze : 18 - 28 Luglio 2020
Per Chi : Per tutti
SVALBARD

Periplo Polare

       

Alla scoperta degli animali e degli ambienti dell’Artico, una straordinaria circumnavigazione in nave dell’arcipelago ed escursioni a piedi e in gommone in compagnia di un biologo esperto di fauna vertebrata.

Navigheremo tra i fiordi a bordo di una nave da ricerca, nel silenzio assoluto della natura, interrotto solo dal rumore del vento, del mare e del ghiaccio che si rompe ed avremo l’opportunità di osservare un paesaggio magnifico in grado di regalare emozioni uniche, nell’ultima terra abitata a nord del pianeta.

Orsi polari, trichechi, 5 specie di foche, 12 tra balene e delfini e circa 30 specie di uccelli artici: uno scenario ghiacciato da sogno. L’Artico come uno lo immagina.

L’estensione in terraferma norvegese a Dovrefjell per l’osservazione in natura del Bue muschiato completa questo viaggio straordinario.

 

Highlights
  • Osservare l’Orso polare nel suo ambiente
  • A Nord, fino a 600 miglia dal polo geografico
  • L’arcipelago abitato più settentrionale al mondo
  • Trichechi, foche barbate e beluga. 19 specie di mammiferi marini
  • La Volpe artica e la Renna delle Svalbard, mammiferi adattati al freddo polare
  • Il Capodoglio, le Megattere e la rarissima Balena della Groenlandia, sopravvissuti al massacro del XIX secolo
  • L’avifauna artica: 30 specie di uccelli “estremisti”
  • Opzionale: escursione per osservare il Bue muschiato, gigante sopravvissuto all’epoca dei mammut

Mappa

Partner organizzativi

Tour Leader

Biologo italiano di Biosfera Itinerari

Aspetti naturalistici e di sostenibilità

La Fauna delle Svalbard è rappresentativa delle regioni artiche e sebbene relativamente scarsa quanto a diversità se paragonata alle zone temperate, presenta spesso numeri importanti, caratteristica pronunciata specialmente per quanto riguarda gli uccelli. Gran parte delle presenze si concentrano d’estate, mentre solo le specie più resistenti come la Renna delle Svalbard, l’Orso polare, la Volpe artica e la Pernice bianca delle Svalbard si possono incontrare d’inverno. Queste specie sono in grado di accumulare riserve durante l’estate e di utilizzarle durante l’inverno, quando le risorse disponibili sono scarse.

Il Permafrost e la ridotta vegetazione rendono quasi impossibile la sopravvivenza di erbivori di terraferma al di fuori della Renna, cosicchè (a parte un’arvicola introdotta in un settore meridionale) non esistono nemmeno i roditori come topi e lemming, così a Nord.

Orsi, foche e uccelli marini, che si nutrono tutti in mare, dipendono largamente dalla fioritura delle alghe sui bordi e al di sotto del ghiaccio.

Un totale di 19 specie di mammiferi marini sono presenti nelle acque intorno alle Svalbard. Queste includono (oltre all’Orso polare) trichechi, 5 specie di foche e 12 tra balene e delfini. Di queste, trichechi, narvali, beluga e balene della Groenlandia sono “residenti”, mentre le altre specie si avvistano solo d’estate.

Sono presenti circa 30 specie di uccelli artici, la maggior parte delle quali in grandi numeri.

La flora, limitata al 10% del territorio libero da ghiaccio e permafrost è costituita da 165 specie, in gran parte dipendenti dal guano prodotto dalle colonie di uccelli e la cui vegetazione è limitata alle poche settimane di clima favorevole.

Itinerario

Giorno 1

Volo per Oslo e pernottamento in hotel, o se gli operativi di volo lo permettono, volo per Longyearbyen e pernottamento in hotel

Giorno 2

Arrivo a Longyearbyen, la più grande isola dell’arcipelago delle Svalbard. Prima di imbarcarsi c’è la possibilità di passeggiare per questa ex città mineraria, visitare la Chiesa parrocchiale e il Museo Polar. Nel pomeriggio la nave salpa da Isfjorden, possibili avvistamenti di cetacei.

Giorno 3

A nord verso Krossfjorden dove ci imbarcheremo sugli Zodiac per un’esaltante crociera lungo la facciata del ghiacciaio. I Gabbiani tridattili e di Urie di Brünnich nidificano sulle scogliere nelle vicinanze. Buone probabilità di avvistare la volpe artica e la Foca Barbata. Nel pomeriggio navighiamo verso Ny Ålesund, l’insediamento più a nord della Terra. Chances per l’Oca Facciabianca, l’Oca Zamperosee e la Sterna Artica

Giorno 4

Vicino alla foce del Liefdefjorden, andremo a riva per una passeggiata sull’isola della tundra di Andøya. Qui vivono molti Eider comuni e oche dai piedi rosa e c’è possibilità di vedere anche il più raro re Eider. Navigando verso Liefdefjorden, ci troveremo vicino all’impressionante ghiacciaio del Monaco, punto di nutrimento preferito per migliaia di Kittiwakes e occasionalmente si può vedere un orso polare sul ghiacciaio.

Giorno 5

Raggiungiamo le isole più settentrionali delle Svalbard: le Sette Isole a nord di Nordaustlandet, a soli 540 km dal Polo Nord.
Quest’area desolata ospita numerosi gruppi di trichechi e orsi polari. Più tardi nella giornata la nave si aggirerà per il pack-ice per ammirare lo spettacolo circostante e andare alla ricerca della fauna selvatica.

Giorno 6 e 7

Al fiordo di Sorg possiamo trovare un altro branco di trichechi non lontano dalle tombe dei balenieri del 17° secolo. Durante una passeggiata nella natura, possiamo incontrare famiglie di pernici. Il pomeriggio potrebbe portarci attraverso Hinlopen Straight a Kinnvika sull’isola di Nordaustlandet per esplorare il paesaggio polare dei dessert. Il giorno 7 – Navigheremo nello stretto di Hinlopen, sede di foca barbuta, foca dagli anelli, orso polare e gabbiano d’avorio. Navigheremo tra le banchise di Lomfjordshalvøya nei nostri zodiaci ed esploreremo le scogliere di uccelli di Alkefjellet con migliaia di Guillemot di Brünnich. Sul lato est dell’Hinlopenstrait, tenteremo uno sbarco ad Augustabukta sul Nordaustlandet, dove vivono renne, oche dai piedi rosa, allevamenti di gabbiani d’avorio e trichechi. Vicino a Torellneset cammineremo lungo la bellissima costa coperta da rocce lisce, scolpite dal surf per migliaia di anni.

Giorno 8

Atterriamo a Sundneset sull’isola di Barentsøya per visitare una vecchia capanna da cacciatore e poi fare una camminata veloce attraverso la tundra alla ricerca della renna Spitsbergen e l’oca di balano. Successivamente navigheremo verso Diskobukta sul lato ovest di Edgeøya. Dopo una navigazione con gli Zodiac attraverso la baia poco profonda, atterriamo su una spiaggia disseminata di ossa di balena e tronchi d’albero, venuti alla deriva dalla Siberia. Possiamo anche arrampicarci sul bordo di uno stretto canalone che è abitato da migliaia di Gabbiani, insieme al Guillemot nero e al Gabbiano Glauco. Durante la stagione riproduttiva, la base delle scogliere è pattugliata dalla volpe artica e dall’orso polare, in particolare femmine con cuccioli giovani, alla ricerca di giovani uccelli caduti dalle sporgenze nidificanti.

Giorno 9

Iniziamo la giornata girando tranquillamente i fiordi laterali della spettacolare zona di Hornsund nel sud di Spitsbergen, godendoci lo scenario delle imponenti cime delle montagne. Hornsundtind sale a 1.431 m, mentre Bautaen mostra perché i primi esploratori olandesi hanno dato il nome di “Spitsbergen” – montagne appuntite – all’isola. Ci sono anche 14 magnifici ghiacciai nella zona e ottime possibilità di incontri con foche e orso polare.

Giorno 10

Oggi atterriamo su Ahlstrandhalvøya alla foce del Van Keulenfjorden. Qui pile di scheletri di Beluga (piccola balena bianca) e i resti del massacro del 19° secolo, sono un altro promemoria delle conseguenze di uno sfruttamento sconsiderato. Fortunatamente, i Beluga non sono stati cacciati al limite dell’estinzione e possono ancora essere visti localmente. Navigando verso Recherchefjorden nel pomeriggio, possiamo esplorare un’area di tundra alla testa del fiordo dove si nutrono molte renne.

Giorno 11

Rientro a Longyearbyen e sbarco. Trasferimento all’aeroporto e volo internazionale di rientro in Italia oppure eventuale pernottamento in hotel ad Oslo se necessario (non compreso nella quota).

Voli aerei

Se necessario, WWF Travel è a disposizione per la prenotazione del volo aereo.

Andata

La nave da crociera parte da Longyearbyen nel pomeriggio del 19 Luglio 2020. È necessario quindi partire il giorno prima dall’Italia e pernottare la notte del 18 Luglio  Agosto o ad Oslo o a Longyearbyen a seconda del volo scelto.

Ritorno

La nave ritorna a Longyearbyen la mattina del 28 Luglio 2020.  Di conseguenza, si potrà prendere un volo per Oslo e da lì o rientrare subito in Italia o pernottare ad Oslo.

La nave

La nave M/V “Plancius”  fu costruita nel 1976 come imbarcazione per la ricerca oceanografica per la Marina Militare Olandese . La nave venne usata dalla Marina fino a giungo del 2004 e nel 2009 fu completamente ricostruita come nave passeggeri per 114 persone. M/V “Plancius”  risponde ai criteri del recente regolamento SOLAS (Safety Of Life At Sea), è classificata dalla Lloyd’s Register a Londra e porta la bandiera olandese. Può ospitare 114 persone in 53 cabine con bagno privato e doccia.  All’interno della nave è presente un ristorante ed una sala letture al deck 3, mentre al deck 5 è situata una spaziosa sala d’osservazione con bar e grandi finestre, con l’opportunità quindi di godere di viste panoramiche. La nave dispone anche di grandi spazi all’aperto per poter ammirare il paesaggio e la fauna selvaggia. M/V “Plancius” è dotata di 17 membri dell’equipaggio, di 19 membri dello staff dell’hotel (6 chef, 1 direttore d’albergo, 1 steward-barman e 11 steward/addetti alle pulizie), di 8 membri dello staff per le spedizioni (1 capo spedizione e 7 guide) e di 1 dottore

Quota
Quota per partecipante in cabina quadrupla       € 4.850
Cabina doppia o tripla SU RICHIESTA con supplemento 

La Quota Comprende

  • Crociera alle Svalbard su nave artica come da programma dettagliato, sistemazione in cabina QUADRUPLA
  • Trattamento full board (inclusi snack the e caffè); esclusi eventuali pasti a Oslo
  • Accompagnatore biologo per tutta la durata del viaggio
  • Tutte le escursioni in gommone e a piedi
  • Tutti i trasferimenti a terra (esclusi i voli)
  • Assicurazione medico - bagaglio

La Quota non Comprende

  • Quota di gestione pratica di 30 euro
  • Volo internazionale e tasse aeroportuali
  • Assicurazione annullamento viaggio, opzionale * - € 220
  • Mance ed extra personali e in generale ciò che non è compreso ne "la Quota comprende"
  • Tutti i pasti non menzionati
  • * La copertura della polizza di annullamento si riferisce esclusivamente all’importo della quota di partecipazione. Esiste la possibilità di estendere la polizza anche per il volo aereo (solo se acquistato tramite WWF Travel) e per le eventuali estensioni di viaggio. In questi casi il premio assicurativo varia in base agli importi assicurati.
Info utili
  • Documenti

Passaporto oppure la carta d’identità valida per l’espatrio, che devono essere validi per tutto il periodo di permanenza nel Paese. In alcuni casi (transazioni bancarie, bonifici, etc.) è obbligatorio esibire il passaporto

  • Vaccinazioni

Nessuna obbligatoria

  • Trasporti

In pulmino a noleggio con autista

  • Pasti

Tutti i pasti a bordo della nave  (inclusi snack the e caffè)

  • Abbigliamento

Abbigliamento comodo e pesante/invernale. Ci si veste come in montagna sulla neve. Le temperature non sono particolarmente rigide (oscillanti attorno a 0°C, ma attenzione al wind chill!). Pantaloni lunghi da neve se li avete. Abbondare con calzini e intimo, pants. preferibilmente intimo termico. Abbondare con calze pesanti. Felpe e pile. Pigiama. Giacca invernale. Occhiali trasparenti se li avete (per il vento). Sciarpa/scaldotto, cuffia, guanti adatti alla stagione. Meglio avere più guanti (possono bagnarsi). Scarpe da trekking

ps: gli stivali da spedizione vengono forniti da noi

  • Livello di difficoltà del viaggio

Attività senza difficoltà particolari, che non richiedono esperienza specifica ma soltanto un minimo di impegno e una buona forma fisica.

Gallery