Segreteria campi estivi +39.06.27800984 int. 2 campiestivi@wwftravel.it
Ufficio viaggi mondo/Italia/Oasi stay +39.06.85376501 info@wwftravel.it
Segreteria campi estivi +39.06.27800984 int. 2 campiestivi@wwftravel.it
Ufficio viaggi mondo/Italia/Oasi stay +39.06.85376501 info@wwftravel.it

Appennino Tosco Emiliano.
Wild Valle del Taro

0
Quota
€ 290
Quota
€ 290
PRENOTA ORA
Salva nella Wishlist

L'aggiunta di articoli alla Wishlist richiede un account

118

Perché Viaggiare con noi?

Contatti Utili

Segreteria Campi Estivi 06/27800984-int. 2

campiestivi@wwftravel.it

Segreteria Campi in barca a Vela 329 0143174; 327 2264388

info@circolovelamare.com

Segreteria Viaggi +39.06.85376501

info@wwftravel.it

2 notti 3giorni
Turni : 19-21 Luglio
11-13 Ottobre
Per Chi : Per tutti
N° di Partecipanti : min 8 - max 25
Appennino Tosco Emiliano
Wild Valle del Taro

L’alta Valle del Taro è un’ampia conca incastonata tra i monti alle spalle delle Cinque Terre, la Lunigiana ed i colli di Parma famosi per castelli e vigneti. Un manto ininterrotto di boschi di querce, castagni e faggi, interrotto solo qua e là da aspri spuntoni di rocce di antica origine magmatica, torrenti cristallini e praterie ammantate di fiori selvatici e percorse da voli di variopinte farfalle. In questi territorio selvaggio da tempo sono ritornati i lupi, attirati da una ricchissima fauna di erbivori: cinghiali, caprioli, daini e cervi; si concentrano numerose specie di rapaci, tra cui l’aquila reale ed il biancone; fiorisce una flora diversissima, che a pochi metri una dall’altra presenta specie mediterranee a specie alpine relitte, come il pino mugo che qui ha la sua unica stazione tra le Alpi e le vette d’Abruzzo

Mappa e Programma

Programma

ITINERARIO DI LUGLIO

Giorno 119 Luglio

Arrivo in struttura nel pomeriggio. Presentazione di Biowatching per conoscere il programma e per un primo approccio agli habitat ed alle specie che incontreremo. Cena in agriturismo. Dopo cena escursione notturna nella vicina Riserva dei Ghirardi alla ricerca del curioso succiacapre, un uccello notturno dallo strano canto meccanico, con possibilità di osservare cervi volanti e qualche lucciola tardiva.

Giorno 220 Luglio

Sveglia comoda, colazione e trasferimento in auto propria verso il passo del Tomarlo, sul crinale tra le province di Genova, Parma e Piacenza, dove parcheggeremo le auto in località Prato piccolo del M. Nero. La zona è Sito di Importanza Comunitaria, famoso per la stazione di Pino mugo e la abetina di abete bianchi ultrasecolari, e ricchissimo di flora alpina tra cui la stazione più meridionale del raro Garofanino superbo, farfalle come l’Apollo e uccelli montani tra cui una consistente popolazione di Passera scopatola dalle curiose abitudini riproduttive. Escursione a piedi in direzione del Prato Grande e salita sul Monte Nero; pranzo al sacco in vetta e ritorno. Cena in agriturismo, seguita da osservazione del cielo stellato.

Giorno 3 21 Luglio

Sveglia entro le ore 7:30, colazione, check out e poi trasferimento in auto al Centro Visite della Oasi WWF dei Ghirardi. Uscita dedicata alla biodiversità dei pascoli, e incontro con il pastori Elena e Roby che gestiscono i pascoli dell’oasi con il loro gregge misto di capre, pecore, mucche e cavalli. Breve escursione attraverso il bosco di querce scoprendo le specie di alberi e arbusti della bassa montagna appenninica, prestando attenzione ai segni degli animali (galle di cinipedi bucate dai picchi, tracce di ungulati, canti degli uccelli tra cui il luì bianco, specie rara in Italia ma comunissimo nell’Oasi), per poi arrivare nel pascolo, abitato da farfalle, mantidi, ramarri. Incontro con i cani maremmani abruzzesi che proteggono il gregge dalla predazione, e osservazione del lavoro del border collie Don che muove il gregge secondo le indicazioni di Roby. Per finire pranzo a buffet con i prodotti dell’azienda. Al termine, saluti e partenze per le proprie destinazioni.

ITINERARIO DI OTTOBRE

Giorno 111 Ottobre

Arrivo in struttura nel pomeriggio. Breve escursione al tramonto nei dintorni dell’agriturismo alla scoperta dell’ambiente appenninico. Cena in agriturismo. Dopo cena presentazione di Biowatching per conoscere il programma e per un primo approccio agli habitat ed alle specie che incontreremo.

Giorno 212 Ottobre

Sveglia, colazione e partenza per l’escursione giornaliera all’interno della Riserva Regionale e Oasi WWF dei Ghirardi. Risaliremo il torrente Remolà per raggiungere il cuore dell’area di bramito dei daini, dedicandoci all’osservazione della biodiversità di alberi e arbusti, ora nella loro veste sfavillante di colori autunnali, alle bacche selvatiche commestibili e, nel caso di stagione favorevole, alle varie specie di funghi. Osservazione dei daini al bramito. Pranzo al sacco e rientro verso l’agriturismo, con sosta presso alcune fototrappole di cui ritireremo le schede. In attesa della cena, lettura dei video registrati nelle fototrappole, alla scoperta della fauna più elusiva dei Ghirardi: volpi, tassi, faine e lupi. Cena in agriturismo, a seguire osservazione del cielo stellato.

Giorno 313 Ottobre

Sveglia entro le ore 7:30, colazione, check out e poi trasferimento in auto al Centro Visite della Oasi WWF dei Ghirardi. Uscita dedicata alla biodiversità dei pascoli, e incontro con il pastori Elena e Roby che gestiscono i pascoli dell’oasi con il loro gregge misto di capre, pecore, mucche e cavalli. Dopo un breve passaggio nel bosco, facendo attenzione ai segni degli animali che ci vivono (impronte di volpi e tassi, buchi scavati nei tronchi dai picchi), si arriva nei pascoli, habitat importantissimo che ospita numerose specie di uccelli insetti che si avviano al letargo invernale. Incontro con i cani maremmani abruzzesi che proteggono il gregge dalla predazione, e osservazione del lavoro del border collie Don che muove il gregge secondo le indicazioni di Roby. Per finire pranzo a buffet con i prodotti dell’azienda. Al termine, saluti e partenze per le prove destinazioni.

Partner organizzativi

Dettagli
Chi ci accompagna

   

Guido Sardella

Dove alloggeremo

   L’Agriturismo Il Cielo di Strela Saremo ospitati al Cielo di Strela, un agriturismo che sposa l’agricoltura biologica alla sostenibilità ambientale con una struttura eco compatibile che autoproduce la propria energia. Mario, proprietario e chef diplomato Alma, è un vulcano di idee a oltre a produrre ottimi salumi ricerca i migliori prodotti locali da proporre con una cucina che sposa tradizione e innovazione nel più prelibato dei modi.

 

Quota

Quota individuale in camera doppia: € 290

La Quota Comprende

  • Pernottamento e pensione completa con tre cene nella struttura e tre pranzi al sacco
  • Attività quotidiane previste dal programma
  • Presenza dell'accompagnatore naturalista/guida ambientale escursionistica H24
  • Assicurazione medico bagaglio

La Quota non Comprende

  • Quota di gestione pratica di 30 euro
  • Il viaggio per/da la località di destinazione
  • Assicurazione annullamento viaggio
  • Quanto eventualmente indicato alla voce "supplementi"
  • Ingresso all'Oasi euro 7
Gallery

Credit foto: Emanuele Fior