EMILIA ROMAGNA – VALLE DEL TARO
La valle del Taro e i daini in amore

0
Quota
€ 240
Quota
€ 240
PRENOTA ORA
1601

CONTATTI UTILI

Segreteria Viaggi +39.06.85376501

info@wwftravel.it

COME FARE A PARTIRE CON NOI

STUDIA LA SCHEDA DI VIAGGIO

Come prima cosa, osserva con attenzione le nostre schede viaggio; sono arricchite con il massimo delle informazioni possibili

CHIEDICI TUTTE LE INFO CHE VUOI

Se hai bisogno di altre informazioni o chiarimenti, chiamaci o scrivici: siamo a tua completa disposizione. Parlerai direttamente con il team di WWF Travel, che conosce e ama raccontare i dettagli di ogni viaggio.

ISCRIVITI AL VIAGGIO

Hai tutte le informazioni che ti servono e hai deciso di partecipare ad uno dei nostri viaggi?
Per iscriverti, ti basta compilare il form cliccando sul pulsante PRENOTA ORA nella scheda del viaggio

CONFERMA LA PARTECIPAZIONE

La partecipazione sarà confermata con il pagamento di una caparra pari al 20% della quota viaggio

PARTI CON NOI

Le tue vacanze sono salve! Ora sei un Viaggiatore WWF, preparati a incontrare la natura più autentica.

2 notti 3 giorni
Partenze :
9 - 11 Ottobre 2020
Per Chi : Per tutti
N° di Partecipanti : max 30
Emilia Romagna - Valle del Taro
La valle del Taro e i daini in amore

L’alta Valle del Taro è un’ampia conca incastonata tra i monti alle spalle delle Cinque Terre, la Lunigiana ed i colli di Parma famosi per castelli e vigneti. Qui trascorreremo 3 giorni tra  boschi di querce, castagni e faggi, torrenti cristallini e praterie di fiori selvatici, percorse da voli di variopinte farfalle.

In questo territorio selvaggio da tempo sono tornati i ​lupi​, attirati da una ricchissima fauna di erbivori: cinghiali, caprioli, daini e cervi e grazie alla presenza del biowatcher, che sarà con noi per tutta la durata del soggiorno, cercheremo le loro tracce e controlleremo le immagini delle fototrappole. E poi con lo sguardo verso il cielo avvisteremo   anche numerose specie di rapaci, tra cui l’​aquila​ ​reale​ ed il biancone​.

Fiorisce una flora diversissima che, a pochi metri una dall’altra, mostra specie mediterranee e specie alpine relitte, come il pino mugo che qui ha la sua unica presenza tra le Alpi e le vette d’Abruzzo.
Per i daini, questo è il periodo dell’amore e nella valle riecheggia il suono dei bramiti dei maschi.

Perché partecipare:

Questa esperienza ti permetterà di avere incontri emozionanti con la fauna e la flora locale e, grazie alla presenza di un esperto Biowatcher, ti insegnerà ad identificare e riconoscere le tracce,  i segni e le  impronte degli animali e a  distinguere le diverse specie vegetali ed i canti degli uccelli.
Avrai la possibilità di scoprire cos’è e come funziona una fototrappola, importante strumento di monitoraggio della fauna selvatica.

Andremo a scoprire le tecniche di prevenzione di danni degli allevatori, come l’uso dei cani da guardiania.  Attraverseremo prati aperti dominati dalle suggestive fioriture delle ginestre, castagneti e maestosi boschi di faggi e conifere.
Sopra le nostre teste, con un po’ di fortuna, potremo osservare il volo di poiane, aquile, gheppi e bianconi.

Data e Quota

Dal 9 al 10 Ottobre 2020

Quota per partecipante in camera doppia: € 240

La Quota Comprende

  • Pernottamento in camera doppia con pensione completa
  • Accompagnamento in escursione da parte di una guida specializzata di Natour Biowatching
  • Tutte le escursioni come da itinerario
  • Assicurazione medico bagaglio

La Quota non Comprende

  • Quota gestione pratica € 30
  • Assicurazione annullamento viaggio opzionale
  • Il viaggio per/da la località di destinazione
  • Quanto eventualmente indicato alla voce "supplementi"

Mappa

Programma
Giorno 1
9 Ottobre 2020

Arrivo in struttura alle 15.30 e breve escursione al tramonto alla scoperta dell’ambiente appenninico;
● Cena in agriturismo;
Cos’è il Biowatching? Presentazione dettagliata del programma e delle caratteristiche del territorio.

Giorno 2
10 Ottobre 2020

Sveglia, colazione e partenza per l’escursione di biowatching giornaliera all’interno della Riserva Regionale e Oasi WWF dei Ghirardi;
● Osservazione dei daini al bramito;
● Pranzo al sacco;
● Controllo delle fototrappole e ritiro delle schede;
● Rientro in agriturismo con visione dei video registrati nelle fototrappole, che ci permetteranno di osservare anche la fauna più elusiva dei Ghirardi: volpi, tassi, faine e lupi;
● Cena in agriturismo;
Osservazione del cielo stellato.

 

Giorno 3
11 Ottobre 2020

● Sveglia entro le ore 7:30, colazione, check out e poi trasferimento in auto al Centro Visite della Oasi WWF dei Ghirardi;
Scoperta della biodiversità dei pascoli e incontro con i pastori Elena e Roby che gestiscono i pascoli dell’oasi con il loro gregge misto di capre, pecore, mucche e cavalli;
Escursione attraverso il bosco di querce e riconoscimento di impronte e tracce degli animali;
Incontro con i cani maremmani abruzzesi che proteggono il gregge dalla predazione e osservazione del lavoro del border collie Don;
Pranzo a buffet con i prodotti tipici dell’azienda;
● Saluti e partenze per le proprie destinazioni.

 

Partner organizzativo

Dettagli
Chi ci accompagna
Viaggio di gruppo con le guide naturalistiche di Natour Biowatching Guido Sardella e Daniele Ecotti
Dove alloggeremo
Agriturismo il Pellegrino
L'agriturismo prende il nome dal piccolo Oratorio di San Pellegrino, che caratterizza la frazione di Pelosa in alta val Taro. L’azienda agricola è certificata biologica, produce frutta, ortaggi in pieno campo, piccoli frutti (lamponi, more, fragole, uva spina, ribes, eleagno, sambuco), erbe aromatiche e officinali. Il proprio piccolo allevamento garantisce all’attività agrituristica carni di pollo (il Gallo nero della Val di Vara) e di coniglio allevati a terra nonché uova di gallina fresche. Dal 2012 Il Pellegrino ospita 5 asini che oltre a tenere puliti i pascoli vengono impiegati per trekking someggiati. Frutta e ortaggi vengono trasformati in confetture, gelatine, sottoli, sottaceti, succhi, sciroppi, tisane, ecc. L’attività agrituristica offre prodotti biologici e locali.
Info utili
Abbigliamento e attrezzatura

Zainetto, scarpe adatte alle passeggiate tipo trekking, un K-way e soprattutto un binocolo per osservare gli uccelli marini e i rapaci. 

Livello di difficoltà del viaggio

Facile, adatto a tutti.