Segreteria campi estivi +39.06.27800984 int. 2 campiestivi@wwftravel.it
Ufficio viaggi mondo/Italia/Oasi stay +39.06.85376501 info@wwftravel.it

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*
Stato*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.

Already a member?

Login
Segreteria campi estivi +39.06.27800984 int. 2 campiestivi@wwftravel.it
Ufficio viaggi mondo/Italia/Oasi stay +39.06.85376501 info@wwftravel.it

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
Nome*
Cognome*
Email*
Telefono*
Stato*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.

Already a member?

Login
Ecco  una bella esperienza di turismo responsabile, una vacanza  di due settimane nel cuore dell’Amazzonia, ospitato dalla comunità dei Caboto!

AmazzoniaUn viaggio che ho fatto nel 2009, un’esperienza decisamente molto particolare. Il villaggio e la porzione  di foresta amazzonica in cui ho vissuto, distano   circa 30 ore di navigazione da Manaus.  La comunità in cui siamo stati ospitati è  formata da circa 15 famiglie,  coinvolte in un progetto di turismo responsabile. Abbiamo dormito nelle amache nelle malocas, le loro tipiche abitazioni, delle sorti di palafitte.
Alla mattina andavamo nella  foresta allagata, l’Igapò; alcune notti le abbiamo passate sotto il cielo della foresta, lontano dal villaggio e  siamo riusciti così a sentire il giaguaro. Un giorno, durante un’escursione  in barca, siamo stati circondati da un gruppo di lontre giganti, degli animali molto socievoli.
Abbiamo fatto il bagno nel Rio  delle Amazzoni, in un posto  indicato dagli indigeni,e non abbiamo avuto nessum problema nè con i piranha né con i caimani nei, che popolano la zona. Contrariamente alle regole sanitarie che si seguono durante i viaggi nelle aree tropicali, abbiamo persino bevuto  l’acqua del fiume, un una zona considerata dai locali sicura: non c’è stata nessuna conseguenza!
Un’esperienza che vorrei rifare senz’altro, soprattutto  nel periodo invernale, quando il livello del fiume si abbassa di 12-15 metri, facendo  emergere delle spiagge enormi. In questa stagione, tra l’altro,  è possibile vedere molti animali, tra cui la mitica Arapaima,  uno dei più grandi pesci d’acqua dolce del mondo.
SENTI IL RACCONTO DI ANDREA: CLICCA SUL PANDA
panda con cuffie1
 
 

Leave a Reply